Oggi è venerdì 17: superstizioni e scongiuri. Ma non tutti lo vivono male

00

Oggi non è soltanto venerdì, non siamo soltanto alle porte del week end….oggi è VENERDI 17!
C’è chi di venerdì 17 non vorrebbe nemmeno uscire di casa, altri tentano di scacciare la negatività utilizzando corni, amuleti, facendo scongiuri e tanti riti scacciaguai.

Ma perché tanta attenzione e mestizia intorno a questa giornata? Pare che i fattori siano due: il venerdì 17 è considerata una ricorrenza particolarmente sfortunata a causa della congiunzione di due elementi negativi: il Venerdì Santo (giorno della morte di Gesù) e il numero 17.

Nelle fonti e nella storia possono essere rintracciati tanti motivi e riferimenti: ad esempio, nell’antica Grecia i seguaci di Pitagora disprezzavano il numero 17 perché è un numero tra il 16 e il 18, numeri che per loro rispecchiavano la rappresentazione di quadrilateri 4×4 e 3×6; nell’Antico Testamento la data di inizio del diluvio universale si riconduce al 17 del secondo mese e, sempre secondo la Bibbia, il 17 è il giorno in cui è morto Gesù; la Cabala ebraica lo considera invece positivo perché è la somma di tre lettere dell’alfabeto ebraico che compongono la parola “bene”; infine nell’Antica Roma sulle tombe si scriveva “VIXI”, cioè “ho vissuto”, e nel Medioevo questa iscrizione veniva confusa con il numero 17 che invece in numeri romani si scrive XVII.
Tuttora a Napoli il 17 è sinonimo di disgrazia, mentre nel resto del mondo i numeri negativi sono altri: nei paesi anglosassoni il giorno sfortunato è venerdì 13, mentre in Spagna, Grecia e Sud America è il martedì 13.

Contemporaneamente, però, esiste una grossa percentuale di persone che non è superstiziosa, e nemmeno fa caso a questa giornata, che vive in tranquillità come tutti gli altri giorni.
E come di consueto, in occasione di questa ‘ricorrenza al contrario’, il Cicap, il Comitato italiano per il controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze, ha organizzato la tradizionale ‘Giornata anti-superstizione’, ricca di appuntamenti in diverse regioni italiane.

Tags